L’ARENA ALL’APERTO E L’AREA LUDICO RICREATIVA PER BAMBINI

L’asse del percorso pedonale che da Via Roma, tramite il sistema di rampe e scale, collega il centro ottocentesco direttamente al lungomare nord, dopo il passaggio sul belvedere di piazza Sant’Antonio giunge a quota +17,55 in uno slargo che, come una vera e propria cerniera, consente di decidere se proseguire nel percorso di discesa al mare o se sostare. In questo secondo caso, facendo qualche passo in avanti, ci si scopre nel bel mezzo di una piccola arena idonea ad ospitare piccole manifestazioni teatrali o musicali all’aperto e la cui cavea a gradoni consente la seduta a circa 150 persone (estensione massima dell’area pari a circa 415 mq).

In mancanza di eventi artistici comunque, grazie alla sua posizione strategica, lo spazio consente di essere vissuto in tanti altri modi quali godere del panorama (il mare, la spiaggia, il borgo vecchio), leggere un libro, scambiare quattro chiacchiere con gli amici o semplicemente prendere il sole.

Proseguendo però ancora oltre, ovvero salendo con il percorso inclinato (a norma di disabile) alle spalle della cavea, si raggiunge l’area di copertura del volume dell’auditorium che, ancora più panoramico dell’arena (quota +18,55), si scopre essere un’ampia e sicura area giochi bimbi.

Un’area ludica di circa 500 mq che venendo attrezzata con giochi tradizionali ed inclusivi rappresenterà una vera chicca per la città, divenendo uno dei quasi 300 parchi inclusivi in Italia (fonte del blog “Parchi per tutti”) ed il secondo a Termoli e nel Molise.

Inoltre l’allocazione opportuna di mattonelle antitrauma nelle aree d’impatto dei vari giochi e la dislocazione di vasi alberati con bordi-seduta nelle restanti zone renderanno il giardino più sicuro e confortevole.