L’AREA COMMERCIALE

L’idea progettuale di un collegamento diretto tra Piazza S. Antonio e l’area di Pozzo Dolce è stata considerata un punto di forza per la riqualificazione di quest’ultima. La possibilità di un collegamento diretto fra questi due ambiti e tra questi ed il lungomare nord e scalinata S. Lucia ha indirizzato la progettazione verso l’individuazione di successivi spazi pubblici attrezzati che aumentano e qualificano il potere d’attrazione dei percorsi, in corrispondenza dei quali si attestano le varie attività commerciali e ricettive ipogee, le quali hanno come nodi terminali aree pubbliche attrezzate.


Piazza S. Antonio e la nuova “Piazza della Marina ” poste a livelli diversi sono tra di loro collegate sia fisicamente che funzionalmente da un elemento connettivo ad andamento leggermente sinusoidale che partendo dalla nuova piazza della Marina raggiunge la parte estrema della attuale scarpata di Piazza S. Antonio. Un volume-percorso, una sorta di galleria coperta, molto trasparente e debolmente impattante in quanto per buona parte della sua lunghezza si adagia a mezza costa utilizzando le varie differenze di quote che incontra durante il suo percorso.


Le analisi sui flussi pedonali, definiti dalle rampe che collegano i vari livelli e dai percorsi urbani esistenti, hanno suggerito, nella soluzione in progetto, di avere una continuità commerciale al fine di definire una sorta di prosecuzione del centro commerciale naturale identificato nel corso nazionale e zone limitrofe.


In tal modo viene assicurata la connessione spaziale tra piazza S. Antonio e la nuova piazza della Marina mentre la lunga galleria a mezza costa con vista mare, assume il ruolo di nuovo waterfront della marina di S. Antonio.