unnamed (1)

XI edizione Nimby Forum, il Dibattito Pubblico Termoli 2020 inserito nel report come best practice

Martedì 15 novembre alle ore 18.00 presso il Palazzo Wedekind, in Piazza Colonna a Roma, sotto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri  e del Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare si svolgerà il Convengo Nazionale Nimby Forum XI Edizione. All’evento, le cui conclusioni saranno affidate al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, interverranno anche un rappresentante dell’Amministrazione comunale di Termoli e il responsabile organizzativo del Dibattito Pubblico Termoli 2020, Antonello Barone

XI rapporto Osservatorio Nimby Forum: il Dibattito Pubblico Termoli 2020 fra le tre best practice del 2016 

Durante il convegno sarà presentato l’undicesimo Rapporto dell’Osservatorio Nimby Forum, incentrato sul tema dei conflitti di competenze che continuano a paralizzare opere e progetti e sul tema della riforma costituzionale valutata come possibile elemento di cambiamento del sistema decisionale. Nel report di quest’anno sarà presente anche una sezione dedicata al dibattito pubblico, con un focus sul caso del Dibattito Pubblico Termoli 2020. Gli altri due casi analizzati come best practice sono quello del dibattito pubblico svolto sul Porto di Livorno e quello del Passante Autostradale di Bologna. L’introduzione del dibattito pubblico nel riformato Codice degli Appalti mostra, infatti, l’evidente necessità di una maggiore regolazione dei processi di dialogo e partecipazione. La tesi che si presenterà sarà quella che incida di procedere sulla via della democrazia partecipata, sulla base di una corretta informazione, assieme ad un quadro regolatorio certo, come l’unico modo per superare la sindrome Nimby e il NO di posizione e per incentivare gli investimenti infrastrutturali nel Paese.

Cos’é il Nimby Forum.

L’Osservatorio Nimby Forum si pone l’obiettivo di sensibilizzare i diversi stakeholder verso un percorso che concili progresso e tutela del territorio, interessi pubblici e privati, impresa e governo, sviluppo e sostenibilità. La progettazione di una grande opera civile di pubblica utilità o la realizzazione di un impianto industriale per la produzione di energia o per il trattamento dei rifiuti determina spesso opposizioni da parte del territorio. Si tratta di una vera e propria sindrome, nota come NIMBY (Not In My Back Yard = non nel mio cortile), oggi sempre più diffusa nei vari strati della popolazione nazionale. Per superare diffidenze e opposizioni è essenziale intraprendere opportune azioni di informazione basate sulla trasparenza e sul dialogo, sulla negoziazione e sulla partecipazione. È indispensabile creare un clima di fiducia reciproca tra l’impresa/ente proponente il progetto e il territorio, con l’obiettivo di rendere i cittadini partecipi delle decisioni.

Programma

Interventi introduttivi

Il caso TAP: Clara Risso, TAP Italia

Il caso MM: Luca Montani, MM

Tavola Rotonda

Filippo Patroni Griffi – Presidente aggiunto del Consiglio di Stato

Chicco Testa – Presidente Sorgenia

GIovanni Valotti – Presidente Utilitalia e Presidente A2A

Luciano Violante – Presidente Emerito Camera dei Deputati e Presidente Italiadecide

Conclusioni

Matteo Renzi – Presidente del Consiglio dei Ministri

Modera Alessandro Beulcke – Presidente Aris